22 settembre 2017

In Costa Azzurra solo turismo? No, Sophia-Antipolis

Da oltre 40 anni un parco tecnologico unico, sempre dinamico e ancora innovatore




Destinazione turistica d’eccezione, che accoglie ogni anno più di 11 milioni di turisti provenienti da ogni parte del mondo, la Costa Azzurra è anche un terreno fertile per chi viaggia per affari o vuole avviare una start up innovatrice. Da più di 40 anni, infatti, leader mondiali, ricercatori e ingegneri si riuniscono in Costa Azzurra in quanto affascinati e attratti da un territorio aperto al mercato internazionale, con un ambiente multiculturale e una qualità di vita eccezionale che favorisce la creatività e la produttività: ebbene sì, stiamo parlando di Sophia Antipolis, la Prima technopole (o parco tecnologico) in Europa! 

Idealmente situata tra mare e montagna, tra i comuni di Antibes, Biot, Mougins, Valbonne e Vallauris e a 20 km dall’aeroporto internazionale di Nizza, la technopole accoglie 2 230 imprese, 36 300 lavoratori (di ben 63 nazionalità differenti) che affiancano 4 000 ricercatori e 5 000 studenti. Il settore delle tecnologie dell’informazione costituisce il centro nevralgico di Sophia Antipolis, ma si possono trovare aziende e centri di ricerca (tra cui un’Università riconosciuta a livello internazionale) relativi ai settori della salute, chimica, delle scienze naturali e ambientali.
Il parco tecnologico è organizzato su due poli principali:

  • Il Business Pôle Sophia Antipolis, riconosciuto come “Business Innovation Center” nel 2014, costituito dai Poli di Competitività SCS e SAFE, uno spazio di co-working, l’Agenzia Regionale di Innovazione e Internazionalizzazione (ARII), gli uffici della CCI. In ogni settore, inoltre, le PMI e start-up sono affiancate da grandi multinazionali come ad esempio: Amadeus, Bosch, Cisco Systems, Dassault Systems, Orange, Hewlett Packard, Intel, Symantec, American Express, Renault, Toyota, Samsung, Huawei, etc;

  • SophiaTech: il nuovo campus dedicato alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, inaugurato nel 2012, che è costituito dal centro accademico (UNS/Polytech Nice Sophia, Eurecom/Telecom ParisTech, INRIA, CNRS, INRA) reso dinamico grazie al lavoro dei suoi 5 000 studenti e 4 000 insegnanti/ricercatori.


Lo sviluppo di questo polo tecnologico è assicurato grazie alla rete di partner (tra cui con la Communauté d’Agglomération Sophia Antipolis) e da una serie di progetti volti a rafforzarne l’attrattività su scala internazionale, riorganizzare i collegamenti con le zone limitrofe e migliorare gli spostamenti interni. Uno di questi progetti è Sophia 2030 “La Côte 121” – che prevede il rinnovo urbano di 4 quartieri: Saint-Philippe, Fugueiret, Les Clausonnes, Les Trois Moulins, con l’inserimento di attività commerciali, residenze e una rete di trasporti moderna ed efficiente. 





Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...