23 gennaio 2017

14 luglio 2016

14 luglio 2016
la ferita aperta allora si va rimarginando, e Nizza e la Costa Azzurra esorcizzano il passato con gli occhi rivolti al futuro



Quella sera d'estate io c'ero, e quello che ho visto insieme ad altri non si cancellerà mai dalla memoria.
Ma è il segno dei nostri tempi, come Berlino dimostra.
E gli 86 morti di allora avrebbero dovuto ricordarci quanto la violenza sia dolorosa ed inutile. Dolorosa perché strappa vite innocenti al loro naturale destino, e inutile perché l'Uomo è sempre più forte del più abietto e animalesco dei suoi simili.

Questa città e questo territorio lo stanno dimostrando, con una ferrea volontà di rilancio di quella che era, è e sarà la perla del mediterraneo francese.

L'ex ministro Emmanuel Macron, pochi giorni dopo l'attentato confermava una ondata di cancellazioni oscillanti tra il 20% ed il 30%: alberghi, ristoranti e piccoli artigiani sembravano colpiti a morte.
1.500.000.000 di euro di ricavi annuali previsti sembravano compromessi per il 2016,  in parte recuperati con il significativo incremento rappresentato dagli Europei di calcio, tenutisi tra giugno e luglio.

Ora la città e l'intera Costa Azzurra stanno riprendendo il cammino.



Il 60% delle attività sulla Promenade des Anglais hanno registrato un decremento significativo, ma la situazione sta cambiando. “Mentre l'effetto negativo più pesante si è avuto per le imprese della promenade – afferma il Presidente della Chambre de Commerce et d'Industrie Nice Cote d'Azur, Jean Pierre Savarino – il trend dell'insieme del Dipartimento sta cambiando in positivo.
Non abbiamo avuto licenziamenti anche grazie a sostegni finanziari per circa 2 milioni di euro”.

E l'Ufficio del Turismo ha recentemente fatto un bilancio delle presenze nel 2016, registrando un calo complessivo del 5%, che nell'ultimo trimestre ha mostrato una inversione di tendenza, un trend positivo verso l'alto, in particolare dei turisti scandinavi con un incremento dell' 8%.

Anche le attività dei nostri connazionali sul territorio, specialmente nella ristorazione e nell'edilizia, hanno saputo  resistere  “Anche grazie alla riconosciuta Qualità e Professionalità di cui andiamo fieri – secondo le parole del Direttore Generale della Camera di Commercio Italiana per Nizza e la Costa Azzurra, Agostino Pesce – I nostri Soci rappresentano quella capacità del nostro popolo di rimboccarsi le maniche, e guardare avanti con determinazione: ora, come nelle occasioni eccezionali drammatiche che ci siamo lasciati alle spalle”.

Confermati i principali Eventi per il 2017:
Battaglia di Carnevale e dei fiori nel mese di febbraio
Salon de l'Immobilier a marzo
Bionazur a giugno
L'Italie à Table a giugno
Festival di Musica Sacra a giugno
Festival di Musica a giugno
Iron Man a giugno
Prom Party in luglio e agosto
Nice Jazz Festival a luglio
C'est pas Classic, a novembre
Villaggio di Natale a dicembre

Andrea De Petris

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...