20 luglio 2015

L’Expo di Milano vista dal primo gruppo di soci della Camera di Commercio Italiana in Costa Azzurra


Expo Milano 2015: "L'Albero della Vita"


Pronti, partenza e ….via…. é partito il primo gruppo di soci della Camera di Commercio Italiana, di Nizza, Sophia Antipolis Costa Azzurra, per visitare la bella Expo di Milano.
Appuntamento presso il magnifico stadio Allianz Arena di Nizza venerdi mattina; partenza con un bus della CME di Monaco, moderno, ultimo tipo, dall'elegante livrea rossa, per raggiungere direttamente Milano e l'EXPO.


La prima cosa che colpisce il visitatore è la vastità del sito, circondato da strade, svincoli e parcheggi davvero immensi.
Lasciato il bus siamo entrati nello spazio espositivo dell'EXPO, in Piazza Italia, che è un po' lo snodo del percorso di visita. Ci siamo messi in fila per visitare il Palazzo Italia che troneggia per l'altezza e per il colore bianco della struttura, struttura in acciaio rivestita da pannelli bianchi.
Il Padiglione Italia vuole far conoscere cultura e tradizioni legate al tema dell'EXPO, ovvero il cibo e l'alimentazione, che sicuramente rappresentano delle eccellenze del nostro paese. 
Tramite un'ampia scala interna si accede ai piani del palazzo, suddivisi nelle quattro "Potenze italiane": la Potenza del Saper Fare (21 storie di persone), la Potenza della Bellezza: 21 panorami e capolavori, la Potenza del Limite: 21 storie di imprese che esprimono il meglio, la Potenza del Futuro: 21 piante rappresentative delle nostre regioni.
Posso dirvi che l'ambientazione e le installazioni sono davvero di grande effetto, poi alcune stanze avvolgono il visitatore e lo collocano al centro di capolavori architettonici o di paesaggi meravigliosi del nostro paese.

Il Padiglione Italia

Lasciato il Palazzo Italia è ora di pranzo e.... cosa di meglio che assaporare qualcosa delle eccellenze alimentari italiane. C'è solo l'imbarazzo della scelta: Ferrero, Lavazza, Citterio, Birra Moretti, Franciacorta, Eataly, Algida e specialità di ogni regione italiana. Mi permetto di darvi un piccolo suggerimento: lo stand della Citterio ha sette postazioni dotate di affettatrici e offre un'assaggio di sette bontà della casa (salame Milano, Bresaola, crudo Parma, cotto Vignola, mortadella, Speck e S.Daniele) con acqua 7 euro, con birra 10 euro!
E' possibile mangiare seduti con ottima vista sull'Albero della Vita, che è il simbolo del Padiglione Italia (tratto da un disegno di Michelangelo) struttura in legno ed acciaio di ben 37 metri di altezza, con tanto di illuminazione, getti di vapore e ombrellini colorati che si muovono al suono della musica....
Ognuno è libero di visitare i padiglioni che desidera e nell'ordine che preferisce, non mi permetto di dare consigli, è assolutamente soggettivo. Va da se che Padiglione Italia è da non mancare poi si segue la propria curiosità. In quei giorni le preferenze andavano a Giappone, USA, Russia, Israele e poi.....
Colpiva il Padiglione del Nepal, ancora incompiuto, a seguito dei tragici fatti del terremoto.










Nel mentre delle visite ai padiglioni siamo stati attratti da balli e musiche della tradizione popolare abruzzese, infatti più gruppi folkloristici davano spettacolo e coinvolgevano i passanti. Credetemi erano bravi e simpatici, hanno fatto ballare anche compassati giapponesi e coreani...!


Ancora un piccolo suggerimento: dopo avere acquistato una bevanda in una bottiglia di plastica, tenetela con voi e riempitela alle postazioni che offrono acqua gratis, sparse per tutto il sito. Sarete sempre dissetati e non dovrete fare le solite file ai bar.
Dopo tanti chilometri a piedi, su e giù per il Decumano (il viale principale) e in visita ai Padiglioni, si ha proprio bisogno di riposo. A tale scopo abbiamo utilizzato un Albergo ad Angera, per due notti, con splendida vista sul lago Maggiore.
Il secondo giorno, al termine delle nostre visite, abbiamo potuto conoscere il Padiglione della Francia accompagnati dall'Architetto Anouk Legendre, progettista della struttura. La Legendre ci ha spiegato la scelta del legno e di tutti i materiali ecologici, per il Padiglione, che assomiglia ad una onda, peraltro smontabile per essere poi spostato altrove alla fine dell'EXPO. All'interno installazioni e monitor ci ricordano quanto sia prezioso il cibo e che la lotta per sfamare il pianeta è sempre (purtroppo) attuale.
Molto interessante la scelta di fare entrare al Padiglione passando per un labirinto-giardino, che riproduce dei paesaggi agricoli, con vere coltivazioni, per introdurre al tema dello sfruttamento della terra per produrre cibo. Non poteva mancare, al termine della visita, un cocktail sulla terrazza del Padiglione Francia.

Il Padiglione Francia

Incontro con l'Architetto Anouk Legendre, progettista del Padiglione Francia

Alle 21.30 abbiamo poi assistito allo spettacolo del Cirque du Soleil, pensato appositamente per EXPO e dedicato al tema del cibo e della vita, infatti la scenografia iniziale rappresenta una grande cucina. Lo spettacolo si intitola Allavita! e racconta la storia di un ragazzino, Leonardo, che riceve in dono un seme magico. Da qui una serie di scene ricche di evoluzioni, balletti, e musiche da parte degli attori nonché ballerini e mimi oltreché funanboli. Spettacolo che si è svolto nell'immenso teatro all'aperto, dalla capienza massima di ben 11.000 posti.
Stanchi ma contenti siamo tornati al "buen ritiro" di Angera per riposare. Il programma di domenica mattina prevedeva di andare in battello da Angera ad Isola Bella, splendida isola-palazzo della famiglia Borromeo, (abitano ancora li...) con i famosi giardini.


La navigazione consente di vedere scorci davvero incantevoli del lago Maggiore, ville, giardini e poi la magnificenza delle isole Borromee, piccoli tesori che escono dalle acque del lago.
Immancabile sosta per il pranzo, in un ristorante bordo lago, per poi iniziare il viaggio di ritorno.
Sempre in bus, e con poco traffico, siamo rientrati a Nizza, domenica per l'ora di cena.
Un grazie sentito a Giorgio, ottimo chauffeur della CME bus di Monaco, e a tutto il gruppo di partecipanti. 




a cura di Massimo Felici



Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...